Analizziamo insieme l’articolo 172 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267, “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 – Supplemento Ordinario n. 162.

D.L. 267/00 ART. 172 C. 1 LETT.  a)

L’elenco degli indirizzi internet di pubblicazione del rendiconto della gestione, del bilancio consolidato deliberati e relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione, dei rendiconti e dei bilanci consolidati delle unioni di comuni e dei soggetti considerati nel gruppo “amministrazione pubblica” di cui al principio applicato del bilancio consolidato allegato al decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, e successive modificazioni, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce. Tali documenti contabili sono allegati al bilancio di previsione qualora non integralmente pubblicati nei siti internet indicati nell’elenco.

D.L. 267/00 ART. 172 C. 1 LETT.  b)

La deliberazione, da adottarsi annualmente prima dell’approvazione del bilancio, con la quale i comuni verificano la quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie – ai sensi delle leggi 18 aprile 1962, n. 167, 22 ottobre 1971, n. 865, e 5 agosto 1978, n. 457, che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di superficie; con la stessa deliberazione i comuni stabiliscono il prezzo di cessione per ciascun tipo di area o di fabbricato.

D.L. 267/00 ART. 172 C. 1 LETT.  c)

Le deliberazioni con le quali sono determinati, per l’esercizio successivo, le tariffe, le aliquote d’imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, nonché, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi con la stessa deliberazione i comuni stabiliscono il prezzo di cessione per ciascun tipo di area o di fabbricato.

D.L. 267/00 ART. 172 C. 1 LETT.  d)

La tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale prevista dalle disposizioni vigenti in materia. Per porre l’attenzione su:

  • Incidenza delle spese rigide sulle entrate correnti;
  • Incidenza degli incassi delle entrate proprie sul totale delle previsioni definitive di bilancio di parte corrente;
  • Ricorso all’istituto dell’anticipazione di cassa;
  • Sostenibilità dell’indebitamento;
  • Sostenibilità dell’eventuale disavanzo a carico del singolo esercizio contabile;
  • Incidenza degli eventuali debiti fuori bilancio riconosciuti ai sensi dell’art. 194 del TUEL;
  • Rilevanza degli eventuali debiti fuori bilancio in corso di formale riconoscimento;
  • Effettiva capacità di riscossione delle entrate complessive afferenti il bilancio dell’Ente.

D.L. 267/00 ART. 172 C. 1 LETT.  e)

Il prospetto della concordanza tra bilancio di previsione e obiettivo programmatico del patto di stabilità interno.