!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)}; if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0'; n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0]; s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window,document,'script', 'https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '327020651892823'); fbq('track', 'PageView');
naviga tra gli articoli
Corte dei Conti
Condividi l'articolo
21 Luglio 2017

Personale – Indennità di turno e proventi sanzioni stradali

La Corte dei conti, Sezione Puglia, con il parere n.92 del 22 giugno 2017 si è espressa sulla possibilità di destinare i proventi delle multe stradali alla copertura dei compensi dovuti per i turni della polizia municipale.

Partendo dal presupposto che le entrate di natura straordinaria non possono essere destinate a spese correnti ripetitive, la Corte ha ritenuto finanziabile l’indennità di turno della polizia municipale con i proventi delle violazioni stradali solo in presenza di presupposti volti ad escludere la natura ripetitiva della spesa. Rientrano nella casistica le indennità relative a progetti di potenziamento del servizio notturno e di prevenzione delle violazioni in materia di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti.

Articoli correlati

Scorri i documenti