!function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)}; if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0'; n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0]; s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window,document,'script', 'https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '327020651892823'); fbq('track', 'PageView');
naviga tra gli articoli
anticipazioni PNRR
PNRR
Condividi l'articolo
26 Luglio 2023

PNRR: anticipazioni e ReGiS

La richiesta di anticipazioni PNRR, da parte dei soggetti attuatori, passa ora dal portale ReGiS.

Con la circolare 25 del 24 luglio il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fornito indicazioni operative per la richiesta di anticipazione PNRR, prevista dall’art. 6 del decreto-legge n. 13/2023, convertito con modificazioni dalla legge n. 41/2023, riguardante in particolare i cosiddetti “progetti in essere” (altrimenti conosciuti come non nativi), ossia quelli finanziati a valere sulle previgenti risorse del bilancio dello Stato e successivamente inseriti tra le Misure del PNRR.

A chi si inoltra la richiesta di anticipazione PNRR

La richiesta di anticipazione PNRR può essere inoltrata, dai Soggetti attuatori, al Ministero dell’economia e delle finanze, che, sentita l’Amministrazione titolare della Misura su cui il progetto insiste, può procedere con il loro riconoscimento.

La norma prevede che il Ministero dell’economia e delle finanze possa “disporre anticipazioni in favore dei relativi soggetti attuatori, ivi compresi gli enti territoriali”. Tali anticipazioni PNRR costituiscono “trasferimenti di risorse vincolati alla realizzazione tempestiva degli interventi PNRR per i quali sono erogate” ed hanno la finalità favorire la realizzazione degli interventi.

La richiesta di anticipazione PNRR dovrà essere formulata mediante apposita funzionalità del sistema informativo ReGiS.

Come si richiede l’anticipazione PNRR

La richiesta di anticipazione PNRR deve essere presentata tramite il sistema informativo ReGiS.

La richiesta di anticipazione PNRR deve essere inserita nella sezione “Anagrafica progetto” – sottosezione “Gestione Richieste di erogazione in Anticipazione”, inserendo le seguenti informazioni:

  • importo dell’anticipazione richiesta;
  • importo eventualmente già ricevuto dall’Amministrazione titolare della Misura PNRR di riferimento;
  • estremi completi del conto su cui devono essere versati i fondi.
  • motivazione della richiesta. Al riguardo, è necessario indicare anche i motivi per cui non è possibile attivare il trasferimento ordinario a carico dell’Amministrazione titolare della Misura PNRR di riferimento, ivi compresi gli estremi di eventuali precedenti richieste all’Amministrazione titolare della Misura rimaste senza esito.

Eventuale documentazione da allegare alla richiesta di anticipazione PNRR può essere inserita a sistema anche in modalità compressa (file zip).

Quale conto per l’anticipazione PNRR

Quale conto viene identificato per il rilascio dell’anticipazione PNRR?

A fronte della richiesta di anticipazione PNRR il sistema informativo propone automaticamente il conto corrente di tesoreria o bancario già associato al Soggetto nell’anagrafe della Pubblica Amministrazione. Qualora il sistema non dia indicazioni sui conti di riferimento, il Soggetto attuatore è tenuto a indicare il conto di tesoreria unica, ovvero nel caso in cui il Soggetto attuatore non sia titolare di conto di Tesoreria, il conto corrente bancario/postale sul quale intende ricevere le risorse riconducibili all’anticipazione PNRR.

Nel secondo caso, i Soggetti attuatori devono accludere anche la relativa dichiarazione di tracciabilità dei flussi finanziari.

Rilascio dell’anticipazione PNRR

Il rilascio dell’anticipazione PNRR viene gestito dall’Ispettorato generale per il PNRR.

Acquisita la richiesta di anticipazione PNRR l’Ispettorato procede alla tempestiva istruttoria della stessa in raccordo con l’Amministrazione centrale titolare della Misura PNRR che dovrà indicare il capitolo di spesa del proprio stato di previsione su cui il progetto insiste e fornire il nulla osta per l’anticipazione. 

In caso di esito positivo dell’istruttoria, l’Ispettorato generale per il PNRR – Ufficio VI, provvede a effettuare il pagamento in favore del Soggetto attuatore, dandone comunicazione all’Amministrazione centrale titolare della Misura.

Una volta effettuata l’operazione di erogazione dell’anticipazione PNRR, lo stato della richiesta sul sistema ReGiS assumerà la dicitura “pagata”.  

In caso di esito negativo dell’istruttoria, l’Ispettorato generale per il PNRR – Ufficio VI rifiuta la richiesta di anticipazione PNRR sul sistema ReGiS e provvede a darne tempestiva comunicazione al Soggetto attuatore, modificando lo stato di lavorazione della pratica sul sistema in “rifiutata”.

Utilizzo parziale dell’anticipazione PNRR

Nel caso in cui i Soggetti attuatori beneficiari delle anticipazioni PNRR non utilizzino interamente gli importi erogati entro la conclusione degli interventi, questi dovranno provvedere alla restituzione della quota di anticipazione PNRR ricevuta e non utilizzata, disponendo il relativo pagamento in favore del conto corrente di tesoreria centrale n. 25091 e utilizzando le seguenti coordinate:

  • IBAN: IT71D0100003245350200025091
  • Causale: Nome Amministrazione Locale – CUP/CLP – Restituzione quota anticipazione non utilizzata ai sensi dell’art.9, comma 6, del decreto-legge n. 152/2021.

Articoli correlati

Scorri i documenti